Aztekium valdezii: facciamo chiarezza - SeedsCactus.com

Categorie

Non trovi qualcosa?

We are members of:

Cactus&Co. Associazione Italiana Hoya Terreni

AZTEKIUM VALDEZII: FACCIAMO CHIAREZZA


Il punto della situazione sulla recente scoperta del taxon Aztekium valdezii, tra intrighi internazionali, predatori di semi e speculatori senza scrupoli. Una pianta che rischia di sparire dal suo habitat a tempo di record.

by: SeedsCactus.com03/01/2014

Era la fine dello scorso mese di Agosto quando, ancora intorpiditi da una calda estate che volgeva ormai al termine, una notizia ci fece letteralmente sobbalzare sulla sedia: la scoperta di una nuova specie di Aztekium.

Tutti noi appassionati di succulente ci precipitammo sulla rete alla ricerca di foto, descrizioni, caratteristiche della nuova pianta… volevamo saperne di più. Le informazioni che arrivavano da Nuevo Leon (Messico, luogo della scoperta) erano però frammentarie: solo un paio di immagini della nuova pianta, peraltro non particolarmente nitide, erano state riprese da tutti i siti specializzati e rimbalzavano qua e là sulla rete.

La situazione iniziò a delinearsi quando il biologo Mario Valdez Maroquin, scopritore ufficiale della nuova specie (che porta il suo nome), in collaborazione con C. G. Velazco Macias, M. A. Alvarado Vazquez e S. Arias Montes, botanici di diverse università messicane, descrissero la pianta dal punto di vista scientifico. La descrizione è disponibile sull’uscita straordinaria del periodico Xerophilia del mese di Agosto 2013 e racconta di una pianta simile alle consorelle A. ritteri e A. hintonii, ma distinta da queste per il fatto di avere dimensioni leggermente più piccole, un diverso colore dei segmenti del perianzio e non più di 5 costolature; ha inoltre un apparato radicale semplice, un corpo globoso, 3-4 spine per areola e fiori color lilla.

La scoperta, di grande importanza scientifica, iniziò però a stuzzicare anche le perverse menti del business che, in nome del profitto, intravidero una facile ed immediata opportunità di arricchimento. Tra la fine di Agosto e l’inizio di Settembre, infatti, era possibile trovare alcuni esemplari di Aztekium valdezii in vendita su ebay ed altre piattaforme di commercio elettronico a prezzi esorbitanti: abbiamo assistito personalmente alla vendita di un esemplare di pochi centimetri di diametro battuto all’asta a circa 500 Euro. Nello stesso periodo (ma il fenomeno si sta ripetendo anche negli ultimi giorni), numerosi appassionati di succulente iniziarono a ricevere sulle loro caselle email delle newsletter provenienti da noti vivai della Repubblica Ceca e contenenti offerte mirabolanti per l’acquisto di piante e semi del nuovo Aztekium.

Corre l’obbligo di ricordare, se mai ce ne fosse bisogno, che l’asportazione di esemplari di piante dal proprio habitat (che nel caso dell’Aztekium valdezii è limitato a pochi chilometri quadrati nella Sierra Madre Oriental), così come il prelievo di semi, è severamente proibito dalle autorità messicane fin dal 1988 con un Decreto particolarmente duro dal punto di vista sanzionatorio. Forti sanzioni sono previste anche dall’Unione Europea che, recependo le direttive internazionali CITES, vieta tassativamente la raccolta degli esemplari e dei semi in habitat. Vero è che non vi è ancora l’ufficialità dell’inclusione di Aztekium valdezii nell’Allegato A del Reg. (UE) 338/97 e s.m.i., ma è solo questione di tempo (d’altra parte lo stesso A. ritteri ne fa parte); ma comunque, fin dal giorno della sua scoperta, la nuova pianta è automaticamente inclusa nell’Allegato B semplicemente in quanto Cactacea, con tutte le conseguenze che ne derivano per i traffici ed i trafficanti illegali.

I prelievi in habitat possono essere autorizzati dalle autorità sopra citate solo ed esclusivamente per scopi di ricerca scientifica e per favorire la propagazione artificiale della specie ai fini della sua conservazione, cosa che finora non è mai avvenuta. Ribadiamo quindi che nessun commerciante e nessun vivaista ha titolo a possedere (e men che meno a commercializzare) semi o piante di Aztekium valdezii; aggiungiamo inoltre che, come suggerito dal nostro studio legale, l’acquirente è corresponsabile dell’illecito rendendosi autore di incauto acquisto. Uomo avvisato mezzo salvato.

Una storia triste come tante, purtroppo. Una storia di mancanza di rispetto verso la biodiversità e la conservazione delle specie, di depauperazione dell’ambiente naturale, ma con un’unica forte consapevolezza: solo noi utenti finali, con i nostri comportamenti, possiamo indirizzare i commercianti al rispetto ed alla legalità, evitando di acquistare e di diventare complici dei traffici proibiti.

 

NOTA: Non pubblichiamo foto della pianta in quanto le uniche immagini ufficiali sono incluse nel periodico Xerophilia e sono protette da copyright.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 


Carrello  

Nessun prodotto

0,00 € Spedizione
0,00 € Totale

Check out

PayPal

Festa del Cactus
Disclaimer
Privacy
SeedsCactus.com -- Online market for Cactus and Succulent Seeds -- © 2012-2013 -- P.I.03892360169
Registro di detenzione specie vegetali in Allegato A/B n.000003/2001/VAB

Ti informiamo che, per rendere la tua esperienza di navigazione più gradevole, utilizziamo dei cookies. Per saperne di più, puoi leggere la nostra Informativa estesa.
Cliccando su Accetto o continuando la navigazione saranno attivati i cookies specificati nella Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy.

Accetto